Recupero Dati

Ci siamo, la perdita di dati spesso viene vissuta come una malattia: speri sempre che capiti a qualcun’altro.

E quando succede se sono dati importanti si passano in poco tempo tutte e 5 le fasi di una malattia terminale: rifiuto,collera,disperazione,patteggiamento e depressione.

Ma senza tirare troppo in ballo una cosa seria come una malattia, vediamo come si può affrontare la cosa.

1)Non leggo più il mio Hard disk.

Prima di allarmarvi inutilmente prendete questa prima dritta come fondamentale: spegnetelo e lasciatelo spento e portatelo da qualcuno che ne sà (uno guarda caso siamo noi)

Dovete sapere che nel 70/80 percento dei casi di dischi danneggiati le informazioni all’interno, utilizzando dei programmi appositi, si riescono a recuperare! Certo ci vuole tempo perchè questi programmi analizzano la superfice del disco e, senza avere riferimenti sull’origine dei file, devono analizzarli bit x bit per poi ricostruirli.

2)Lo Leggo ma mi dice “Formattare il disco?”

Non fatelo! rischiate di peggiorare la situazione.

In questo caso potrebbe essere la partizione danneggiata, si può ripristinare, ma chiaramente bisogna saperlo fare.

3)Non leggo più il disco ed in più emette dei rumori strani

Ecco questo è uno di quei casi a rischio serio di perdita totale dei dati, spesso (80% dei casi) non possiamo recuperare i dati, ma possiamo indirizzarvi verso ditte che lo fanno con altri metodi che non stò qui a spiegare, sappiate che è generalmente una procedura costosa dai 300 ai 600 euro(il disco viene smontato ed inserito in un macchinario apposito), quindi il mio consiglio rimane la prevenzione, ovvero un Disco Esterno o Aggiuntivo dove avere una doppia copia dei dati.